fbpx
Baby Bump | Il primo giorno di asilo nido
20909
post-template-default,single,single-post,postid-20909,single-format-standard,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,columns-3,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Il primo giorno di asilo nido

Il primo giorno di asilo nido

Il primo giorno di asilo nido non rappresenta in sé un distacco netto. L’inizio del nido coincide con un periodo di inserimento: si tratta, di un distacco graduale dalla mamma e dal papà. Periodo che può durare fino a tre -quattro settimane.

L’asilo nido, nonostante l’inserimento graduale, rappresenta però il primo vero distacco dalla mamma. E, oltre all’onda emotiva della mancanza e della sensazione di “vuoto”, contribuiscono ad accrescere l’ansia materna anche una serie di preoccupazioni di ordine “pratico”. Una su tutte? L’angoscia che il bambino continui ad ammalarsi. E, riguardo a questo tipo di paura, è vero si ammalerà durante il primo anno di asilo ma questo non lo renderà più debole né comprometterà la sua crescita serena.

Tra i lati positivi dell’asilo nido si annoverano: grandi conquiste di autonomia, divertimento accresciuta socialità. Infatti, benché si creda che il bambino socializzi solo a partire dai 2-3 anni, anche prima di quest’età i piccoli stabiliscono relazioni e rapporti con i coetanei. Inoltre, all’asilo nido la giornata dei bambini è cadenzata da ritmi ottimali per il loro benessere e le educatrici sono formate proprio per garantire una crescita serena del piccolo in comunità. Quindi, anche se all’inizio sarà difficile, perché il bambino inizi l’asilo nido nel migliore dei modi, la mamma deve sforzarsi di sfoderare il suo miglior sorriso, fidarsi e affidarsi agli educatori.